Riflessione breve ma intensa in un meriggio d’estate, laddove il titolo è più lungo del post, anche se, ammettiamolo, poche e sentite parole valgono più di inutili et insulsi papielli infarciti di sospiri e trite banalité.

E’ lecito, per un’avvenente e povera donna che vive la propria solitudo con compita dignità, porre il seguente quesito?

Perché sempre e soltanto parlare d’ammmore, di cuoricini spezzati da masculi (ma anche malafemmene) che un cuore non hanno, ma con la rosea certezza che il principe azzurro (e, per qualcuno, la principessina in periglio) sia dietro l’angolo sul suo bianco destriero, in attesa di cavalcare verso il tramonto o di volare nelle braccia del prode salvatore?

Ma un po’ di sano odio (sentimento umano e duraturo) mai? O anche sticazzi. E scusate il francesismo.

Ora vi lascio, miei cari: è l’ora del mio solito aperitivo.

19 pensieri su “Riflessione breve ma intensa in un meriggio d’estate, laddove il titolo è più lungo del post, anche se, ammettiamolo, poche e sentite parole valgono più di inutili et insulsi papielli infarciti di sospiri e trite banalité.

    1. Darling, ricordati che un marito o un fiancé non sono sangue del tuo sangue: come sono entrati dalla porta, possono anche uscire. Adoro il silenzio di una casa vuota! Ma con servitù.

    1. Ben detto!
      Un frizzantino per il corteggiamento, un rosso importante per l’inciucio, un bianco fruttato per il ménage à deux e uno champagnino per festeggiare l’uscita di scena del partner.

  1. E perché no, a parte odio e amore, raccogliere 4 carote nei campi.
    Scappare su di una vetta, in alto, più in alto, per poi lanciarsi con il deltaplano.
    Strisciare sulla sabbia.
    Addormentarsi su di una zattera seguita da delfini, e pensare al vecchio e il mare.
    Non so.
    Tante di quelle cose da fare.
    Apéritif anche per me.
    No Tenshun – Soul Music

  2. “anche odiare è un diritto, sai?” [Afterhours, Sulle labbra – che, accoppiati ai Bluvertigo ci stanno pure bene]. Io, ad esempio, un giorno della settimana scorsa o forse di qualche mese o anche un decennio fa, ho optato per la misantropia incondizionata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...