L’aiuola

L’estate, il tedio, lo svacco e le riviste per noi, donne moderne, emancipate e autonome nonché attente ai dettami della moda ma sempre alla ricerca della nostra identità….

Inauguro tosto una nuova rubrica, dedicata ai tests e alle domande&risposte che vengono pubblicati nei migliori magazines in circolazione. Essi ci mostrano uno spaccato della nostra società, un vademecum per la donna del giorno d’oggi, da cui si evince che le riviste più in voga sono in grado di rispondere con esaustiva profondità a tutti i nostri quesiti più impellenti, quelli che ci tolgono il sonno e l’appetito.

Parto subito con il botto.

Che fare se lui non vuole baciarmi lì sotto?

Domanda: Glielo chiedo sempre, ma lui non vuole mai baciarmi lì sotto…

Risposta: « […….] Continua a invogliarlo in modo simpatico, magari guardate insieme qualche scena porno in cui lui lo fa e lascia che lavori con la fantasia, ma non forzarlo».

Continua a invogliarlo in modo simpatico…

Questo è il consiglio dell’esperta. Certo, la domanda spinge al turpiloquio, ma la risposta non brilla per tecnicismo e non fa scattare l’ammirazione per il 110 cum laude che la sessuologa avrà di certo conseguito presso qualche prestigiosa università americana. “In modo simpatico”, peraltro, che mi sta a significare? Per sollecitare l’azione offensiva  del partner, la nostra passerotta insoddisfatta deve dipingersi il triangolino con i colori del Milan?

…lascia che lavori con la fantasia, ma non forzarlo

Di grazia, e come si fa a forzarlo, che me lo segno nella mia moleskine?  Con un calcio negli zebedei? Stritolandolo tra le cosce? O assoldando due energumeni che assistano al preliminare come un’ ostetrica in sala parto? Inoltre, far lavorare di fantasia un principotto sul pisello è impresa disperata; il suo rituale si svolge come segue: posa alla missionario, due minuti di stantuffata, et voilà!

Cara passerotta insoddisfatta, ti rispondo moi, che non ho nessun 110 cum laude ma esperienza sul campo: lui non ti vuole baciare lì sotto?

Mostragli la porta con gentile fermezza: dietro l’uscio, troverai la doppia, tripla, quappia fila di uomini entusiasti più che disponibili alla bisogna.

7 pensieri su “L’aiuola

  1. rido, modo simpatico… che cazzata …nell’Ars amandi è tutto uno scambio di piacere…altrimenti resta il missionario di una tristezza da pianto 🙂 ma siamo davvero a questi punti? fortunatamente non leggo settimanali del genere, divento narcolettica! ciauu LYL!

    1. Io adoooro leggere e guardare le figure, come i piccini!
      Le riviste sono specchio della nostra società, dell’idea omologata che ancora si vuole veicolare di donna e uomo, nonostante la modernità, il glamour o il finto approfondimento delle notizie (vedi Vanity Fair). Leggo e raccolgo dati.
      Quando voglio sognare e perdermi nella bellezza senza tempo, senza spazio, senza catene al terreno, entro in un libro.

  2. Gia, se non tratti bene l’aiuola finisce che si secca, rattrappisce, perde colore. Che tristezza. Consiglio la ditta Armando Lasotto ; lavora con passione. Certo è lento ma metodico e martellante…
    Consiglio all’amica di vestirsi di un solo perizoma di francobolli… Chissà mai che il buon maritino non ci prenda gusto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...