Alla deriva

Dans les clapotements furieux des marées
Moi l’autre hiver plus sourd que les cerveaux d’enfants,
Je courus ! Et les Péninsules démarrées
N’ont pas subi tohu-bohus plus triomphants.

Dentro lo sciabordare aspro delle maree,
l’altro inverno, più sordo di una mente infantile,
io corsi! E le Penisole strappate dagli ormeggi
non subirono mai sconquasso più trionfante.

Le bateau ivre – Arthur Rimbaud

Quando mi corre acqua antartica dal cervello al plesso: un gelido mare diafano che s’infrange e scroscia contro gli scogli dei polmoni, dove il mio respiro naufraga. Dura la metà di un anno la notte senza falce che mi s’affaccia dentro, in un nero che dimentica sogni di aurore boreali.

Poi, si sollevano incontenibili maree d’inquietudine, e l’abisso comanda di guardarmi i viscidi fondali bui, cimitero d’oblio, lasciati inesplorati dall’urgenza di vivere. Frenetica illusione di ricordi archiviati; forzieri colmi, seppelliti sotto due decadi di sabbia, il fianco squarciato di un veliero ammutinato, mute carcasse di cattivi pensieri.

Infine, la bonaccia mi sorprende affranta, stremata dall’inverno che mi doleva il cuore; resto a galla immobile, a occhi aperti su troppa luce e sete. L’ultima risacca di scontento si ritira a riva, rivelando rifiuti, conchiglie scheggiate e alghe. Stralci di frasi non dette, qua e là, come balene spiaggiate. Desideri guasti, incrostati di mitili gibbosi. Qualche no, qualche sì, tanti forse: ciottoli inutili. Inzuppata agenda di numeri d’ombre, e fantasmi.

Mentre i gabbiani gridano.

26 pensieri su “Alla deriva

  1. Porca miseria… ho nel cuore la salsedine,il respiro calmo sconfitto e i capelli come trame di rete da pesca.Vuota.L’ho sentito come un pugno.Mi è piaciuto tanto questo pezzo e ci ho fatto l’amore con gli occhi 5 volte.Porca miseria..

  2. Eccomi mia divina, un po’ in ritardo, ma non mi perderei per nulla al mondo un tuo post. Vorrei avere solo un pizzico della tua bravura, per poterti fare un complimento adeguato alla bellezza delle tue parole. Chapeau divina

  3. Qualcuno canterebbe: “… le tue parole fanno male, sono taglienti come lame…” Hai scandagliato e descritto il fondale derelitto delle anime inquiete e sensibili. Sensibili di quella sensibilità impalpabile che è come un velo… un soffio ed è già diffusa penetrando ogni lembo e ogni cellula

    1. Chérie, nei fondali della nostra coscienza ci sono relitti di tutto ciò che è rimasto a metà, o senza risposta. Per quanto cerchiamo di seppellire le nostre incertezze, queste riaffiorano alla prima mareggiata, durante le tempeste interiori.
      Et voilà!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...