Life in plastic is fantastic: when trash becomes cult

Miei compagniucci di giochi, eccomi pronta a fare un nuovo outing, intimo e doloroso: tutta questa plastica comincia a piacermi. Voilà, mi sono confessata! Ma non è la plastica in sé, quanto il gusto sottile e perfido che mi dà il constatare che non c’é limite alla perversione umana, soprattutto in estate e soprattutto in vacanza. Una conferma, una delle poche certezze della vita.

E ora, via con una carrellata di plasticose oscenità!

Questo è per il mio caro Sephiroth: ti eri illuso di averlo evitato, vero? E invece: voilà! Il toro meccanico di plastica, dalle dimensioni inaudite e inutile quanto un gossip sulle Kardashian.

Il coso brutto che vorrebbe essere cigno ma sembra un medio alzato (e il medio è quello che si merita).

Perché no? C’è forse un limite al buon gusto?

Main non, ca va sans dire!

C’è pure l’evento, l’happening, il party, naturalmente in America, dove migliaia di decerebrati si strizzano in mezzo alla plastica variopinta mentre l’unico neurone condiviso, incapace di gestire la situation, chiede il mayday e abbandona il campo di battaglia.

What can I say?

Eppure… eppure… tutta questa plastica ha risvegliato la bambina che c’è in moi, la ragazzina che leggeva favole mentre fuori infuriava la bufera…

Giò, mio statuario amico, tu che volevi il frigobar… champagnino assicurato, altro che toro meccanico!

Per chi, come me, è lazy nel midollo, c’è pure il telecomando.

Pour finir, questo è per me: no, non il brillocchio di plastica (niente di più nauseabondo). Quello al dito, dai mille carati!

Perché life in plastic is fantastic (vero, Sara, darling, tu sì che te ne intendi di tutto ciò che è effimero), ma (anche se non sembra) l’estate sta finendo e un anno se ne va, e se non hai qualche brillocchio da parte, ti tocca sudare anche in inverno, parola di ladra!

34 pensieri su “Life in plastic is fantastic: when trash becomes cult

  1. Il toro ha la sua utilità, mentre sei in acqua puoi fare ginnastica isometrica stringendo e rilassando le cosce, è un esercizio che rassoda.
    Il medio è perfetto in ogni occasione, come pure il sedile del wc perché, si sa, tutti la fanno in acqua, lo dimostra l’immagine successiva. 😉

  2. Uaah grazie di avermi citata! 😀😀😍💕
    Ovviamente mi piacciono un sacco! E hai spiegato egregiamente il perché il trash sia oltremodo interessante! 😀🎉

    1. Prima lo disprezzi, provando un senso di superiorità, fino a che non ti rendi conto che sta diventando un’ossessione, e l’abisso comincia a guardare dentro di te.

    1. Vero? Bello rifornito, possibilmente bordo piscina, anche se un bel cameriere abbronzato e semi ignudo che ti porta lo champagnino sul vassoio e lo sguardo ammiccante…

  3. Dire che sono rimasto a bocca aperta e’ troppo poco, in realtà mi e’ caduta la mascella (era di stucco) e le palle degli occhi mi sono rotolate. C’è in giro una quantità di geni incompresi che è un peccato non sfruttare per fini più nobili e redditizi. Che spreco! D’altro canto purtroppo la cura di scapaccioni da piccoli non è più ammessa, chi da perché, e i risultati si vedono!

    1. Ma se ti cade la mascella, si frantuma? Sarebbe un bel problema: a ferragosto si trovano scultori con la bottega aperta(bottega nel senso di attività, non era un doppio senso)?
      Avrei voluto riprendere i cinque o sei scalmanati con il toro (grande quanto un parcheggio), mentre tentavano, senza riuscirci, di stare in sella sul suo dorso scivoloso. E non parlo di bambini, ma di adulti fatti e finiti, soprattutto finiti, parbleu.

      1. Il toro era cosparso di crema solare? Così sarebbe un moderno albero della cuccagna, però in cima bisognerebbe metterci un premio. Piatto ricco mi ci ficco, se non fossi tornato all’architrave ci avrei fatto un giretto volentieri! Perché non hai ripreso quei buontemponi, avrebbero meritato la giusta pubblicità. Magari sono chirughi, dirigenti d’azienda, dio non voglia commercialisti, forse ingegneri informatici (questo è più probabile). Ma Puccio non aveva niente da dire? Non scrollava nemmeno la testa? O era intento a tromb… ehm sedurre le mogli dei giocherelloni? In questo caso viva Puccio!

        1. Guarda, uno di loro aveva i capelli lilla e il costumino bianco, gli altri avevano bicipiti da ore di palestra. Escluderei gli ingegneri informatici, che tendono a schifare troppo esercizio fisico, ma chi sono io per tirare coclusioni tanto ovvie?
          Puccio faceva l’alternativo e stava all’ombra e vestito. Mistero.

          1. Il lilla si abbina bene con il bianco? Dovrò chiederlo a chi di dovere. Gli ingegneri informatici avrebbero costruito un catamarano attorno al toro, ma poi sarebbe affondato tutto. Puccio era in attesa, per consolare le vedove.

              1. Non ci sono più quelli che fanno il weekend e poi tornano in città? In genere sono sfortunati perché beccano i due giorni in cui la moglie ha l’emicrania, peraltro.

                1. Agosto pullula di mariti. Li riconosci perché sono bianchi, leggono il giornale e indossano lo stesso costume (bragoni informi) da quindici anni. Spesso sono al cellulare per risolvere i problemi lavorativi dei colleghi rimasti in ufficio. A mezzodì e alle diciotto scattano come molle per tornare in hotel/appartamento. Quando ci sono le corse, si pigiano nelle seggioline di plastica del bar, dove troneggia una tv centocinquanta pollici con sky sport.

                  1. Adesso che mi ci fai pensare forse anche il mio costume deve avere quindici anni o giù di lì. Per un certo verso è lusinghiero, si vede che la taglia non è cambiata molto. Comunque li capisco perché il mare è una grande rottura di scatole e la parte più bella è il pranzo, il riposino dopopranzo, e la cena. Non capisco poi come facciano a guardare le corse sulle seggioline. Io mi abbiocco dopo due giri, mi serve il divano.

  4. Che simpatico post!
    Non adoro il plasticume in acqua! Mi piace sentirmi libera di parmigiano trasportare dalle onde perché galleggio! Eh eh eh
    Alcune proposte però sono davvero ridicole! Tanto finita la stagione poi finiscono nella spazzatura se hanno il buon senso di non lasciarlo buttato lungo le dune in spiaggia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...