Un pass è per sempre

Weltanschauung Italia

L’ idea di un green pass svincolato dall’emergenza sanitaria si fa sempre più forte, tangibile, viva. L’obiettivo, neanche troppo celato, è quello di far diventare il lasciapassare uno strumento non più legato all’eccezionale, ma all’ordinario.

Non più subordinato alla presunta crisi sanitaria, ma presente nella quotidianità. Non più un dispositivo ancorato alla fictio della tutela della salute, ma un vero e proprio pass per la vita lavorativa e pubblica.

La farsa dei tamponi, così come il teatro pandemico, non può durare in eterno. La va***nazione, nei loro piani, dovrà essere necessariamente l’unica via percorribile per ottenere la carta verde, essendo essa un mezzo sicuro ed efficace per i propositi ricattatori dell’autorità. L’ottica di praemium intrinseca nel rilascio del QR code viene, così, ancor più esaltata.

Con la “tessera del partito” si da, de facto, un riconoscimento psicologico all’individuo, che considera i suoi diritti fondamentali non più appartenenti a lui in quanto uomo, ma un permesso a tempo determinato che lo Stato fornisce come ricompensa per la sua buona condotta ed il suo conformismo. Tutto ciò è inaccettabile, disumano, giuridicamente e moralmente aberrante.

Se ciò che è tuo, che compone la tua natura e la tua essenza, ti viene brutalmente tolto e ridato sotto forma di concessione governativa revocabile, nessuno è più al sicuro. Ed a quel punto siringarsi all’infinito, involversi in colabrodo per illudersi di “tornare alla normalità” non servirà a più nulla. Ogni libertà ceduta ora, senza combattere, per il quieto vivere, sarà pressoché irrecuperabile domani.

Per questo motivo è vietato mollare Per tutto ciò che ci è caro al mondo, è vitale non cedere. Oggi più che mai.

WI

12 pensieri su “Un pass è per sempre

  1. Io ho ceduto da un bel pezzo, non ne sono molto orgoglioso ma sono troppo vecchio per farmi ogni giorno il sangue amaro. Quando scrivevo di Evaristo Rana che voleva mettere le nanoparticelle nei tortellini per controllare le menti mi sembrava chiaro che fosse un’assurdità. Adesso non ne sono più tanto sicuro.

    1. Per quel che mi riguarda, solo i brillocchi sono per sempre. E un maggiordomo fidato.
      Anche la postura ha un suo pourquoi. A 90 gradi non si vede il mio bel personalino.

        1. Sono una cultrice dell’elasticità, anche mentale, con James ci svegliamo all’alba e guardiamo il sole che sorge facendo tai chi. Una volta, durante una fuga, sono stata chiusa in una valigia per quarantasette minuti. Dopo, però, sono tornata alla posizione eretta.

          1. Era un trolley? Lo trovo comodo come sistema. Se penso alla povera signora Kappler che fatica che deve aver fatto per portar fuori suo marito dal Celio, le valigie non avevano ancora le rotelle, tempi bui.

                  1. Applicando un piccolo motorino a energia solare possono dare un grosso aiuto per la mobilità urbana. Sono in progettazione delle piste bancabili, l’Europa ci ha chiesto di destinare una fetta del PNNR a questo scopo, non possiamo esimerci.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...